Al fine di contenere la diffusione del virus, il DPCM del 9 marzo ha previsto che per gli spostamenti sarà necessario, a partire dal 10 marzo, un’apposita auto-dichiarazione che indichi le ragioni dello spostamento. Tale modulo si configura come un documento che certifica perché un cittadino si sta muovendo nonostante le limitazioni fissate dalle autorità e la raccomandazione a rimanere a casa il più possibile.

Ma quando ci si può spostare?
Come scritto nella stessa auto-dichiarazione, lo spostamento può essere determinato solo da una serie ristrettissima di casi: 
●
esigenze lavorative (andare e tornare dal proprio lavoro; per i lavoratori dipendenti qualora il proprio datore di lavoro non abbia predisposto sistemi di smart working)

● situazioni di necessità (ad esempio andare a fare la spesa, acquisti di prima necessità o per «altre situazioni particolari» da spiegare agli agenti)
● per motivi di salute (visite o esigenze sanitarie di varia natura)
● rientro presso il proprio domicilio, abitazione e residenza

Vige invece un divieto assoluto di spostamento per le persone sottoposte a quarantena o risultate positive al virus.

 

SCARICA IL MODULO PER L’AUTODICHIARAZIONE

Aggiornato al nuovo modulo di autodichiarazione del 17 marzo 2020

 

 

 

Hai bisogno di assistenza legale?

Sottoponi la tua situazione per un parere dettagliato e analitico cliccando qui. 

Hai bisogno di chiarimenti in merito all’articolo? Commenta qui sotto o contattaci ai nostri recapiti!

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *